Il locale lavanderia è uno spazio utilissimo in tutte le dimore. Come potrai capire dal nome stesso, esso serve a fare il bucato, a stenderlo quando fuori piove, a tenere in ordine biancheria, asciugamani, accappatoi, vestiti e chi più ne ha più ne metta.

Talvolta questo ambiente rappresenta un vano a parte, allestito magari in una stanzetta o in un ex ripostiglio; altre volte è inserito nel bagno principale, e ne costituisce una componente fondamentale. In entrambe le situazioni è necessario arredare l’area in maniera logica e razionale, nel rispetto di criteri come la funzionalità, la comodità, la sicurezza e l’eleganza.

Come arredare il locale lavanderia

Una lavanderia domestica è un vero e proprio must per coloro che amano l’igiene e la pulizia. Se anche tu rientri in questa categoria, dai un’occhiata ai nostri consigli per realizzarne una all’insegna del comfort e della praticità!

Ti parleremo sia degli elettrodomestici indispensabili in un contesto del genere, sia dei mobili da bagno e degli accessori che non possono assolutamente mancare. Ci soffermeremo, poi, su dettagli come l’illuminazione e i rivestimenti delle pareti: lo scopo è fornirti una panoramica completa sull’argomento, e aiutarti a valorizzare il tuo locale lavanderia con una serie di accorgimenti.

Lavanderia ed elettrodomestici

Un primo ambito su cui dobbiamo soffermarci è quello degli elettrodomestici.

Naturalmente, il dispositivo essenziale è la lavatrice: ti suggeriamo di scegliere un modello minimal, dato che spesso le zone adibite a lavanderia sono piccole e strette. Sul mercato esiste una vasta gamma di lavatrici moderne, dotate di un design geometrico che si integra alla perfezione con il resto dello spazio.

Lo strumento in questione deve soddisfare alcuni requisiti. In particolare, è importante che l’oblò sia ampio e che il cestello supporti carichi pesanti: vi sono delle coperte che arrivano anche a 5-6 kg! Inoltre è preferibile una lavatrice quanto più silenziosa possibile, specialmente se la lavanderia casalinga è inclusa nell’arredo bagno. Nessuno vorrebbe lavarsi con il rumore della centrifuga in sottofondo!

Se l’area è abbastanza grande, prendi in considerazione un’asciugatrice. Una soluzione che adorerai in inverno, quando il clima piovoso non di rado ostacola le operazioni legate al bucato. L’ideale è acquistare un macchinario di dimensioni ridotte, che all’occorrenza sistemerai in una nicchia o in un mobile aperto.

Altri attrezzi di base in un locale lavanderia sono il ferro da stiro con relativa asse. Un ferro con caldaia è di solito più efficiente di uno a vapore, ma ricorda anche che è più ingombrante.

Mobili-dispensa

Proseguendo con il nostro discorso su come arredare una lavanderia domestica, passiamo a un altro elemento: i mobili.

Questi saranno utilizzati in vari modi, ma soprattutto come dispensa per saponi, detersivi, spugnette, mollette per i panni e così via. Ti raccomandiamo, dunque, di procurarti strutture con cassetti, ripiani e ante che custodiranno tutti gli oggetti di questo tipo.

Come arredare il locale lavanderia

Per risparmiare centimetri preziosi e ottimizzare al meglio lo spazio vanno benissimo i mobili sospesi. Come potrai intuire, questi non poggiano sul pavimento ma si montano contro il muro: sono minimali, moderni e assolutamente funzionali. In aggiunta, gli articoli di qualità possiedono forme curate e raffinate e donano all’ambiente un autentico tocco di stile.

Il nostro brand mette a disposizione un esteso assortimento di mobili bagno sospesi, che si adoperano tranquillamente anche nei locali lavanderia. Per fissarli alla parete ti servono soltanto un trapano con viti, cacciavite, chiodi e ganci specifici: un compito facile se hai un po’ di esperienza nel campo del fai da te! Usa un metro apposito per prendere le misure prima di procedere, e alla fine ripara le eventuali crepe con una passata di silicone.

La giusta illuminazione

Come già abbiamo detto, la lavanderia casalinga deve essere comoda e confortevole. Per molte persone fare il bucato è noioso, ma il tutto diventa più piacevole con la corretta illuminazione.

Come arredare il locale lavanderia

A questo risultato concorrono diversi fattori:

  • la lampada principale, che sia un lampadario da soffitto, una plafoniera ecc.;
  • una sorgente luminosa secondaria: un’altra applique, o magari uno specchio con lampadine;
  • la finestra, per sfruttare i raggi del sole fino al tramonto.

A proposito di specchi illuminati, il nostro catalogo è ricco di complementi del genere. Opta per un modello dalle linee pure ed essenziali, capaci di apparire armoniose persino nelle stanze più piccole: uno standard pienamente soddisfatto dalle nostre forniture.

Pareti e pavimento di una lavanderia

Per rendere ancora più vivibile e accogliente il locale lavanderia è necessario riflettere con attenzione sui colori e sul rivestimento delle pareti.

Partiamo dai materiali, che devono essere resistenti all’usura, all’umidità e agli sbalzi di temperatura. Davvero eccellenti sono la pietra naturale e il gres porcellanato: la prima regalerà al contesto un mood più caldo e familiare, il secondo è progettato per imitare l’aspetto del legno, del cotto, del marmo o del cemento.

Seleziona tonalità chiare, che sono gradevoli alla vista e conferiscono all’ambiente una maggiore profondità. Ti consigliamo il classico bianco, o in alternativa l’avorio, il perla, il panna e il beige. Sono perfette anche le sfumature pastello, come il lavanda, il rosa antico e l’azzurro pallido, mentre vanno evitate le tinte scure.

E per quanto riguarda il pavimento? È importante che esso sia a sua volta chiaro e luminoso, e che non risenta del calpestio frequente e dei graffi (spesso provocati quando si spostano gli elettrodomestici). Le venature del legno sono molto suggestive, ma rispetto al parquet è di gran lunga più conveniente il gres effetto legno. Semplici accorgimenti per aumentare la longevità dei componenti della lavanderia!